TEMPO FINO A GIVING TUESDAY

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Second(s)

#WHYSO – la mela opal

Assapora la bellezza nascosta di opal®. 

In un mondo perfezionista, è sempre più difficoltoso rimanere fedeli a se stessi. Senza porsi la domanda “perché”, si rischia di vivere la propria vita in modo superficiale. Anche le mele sono diventate frutti prestigiosi, avendo perso molto della propria naturalezza durante il percorso.

Crediamo che esseri umani e le mele mostrino entrambi la propria bellezza nell’essere autentici. Scopri la bellezza della mela opal e goditi il sapore raffinato, la croccantezza e il succoso aroma che solo opal® può offrirti. #staytrue

Scopri
#whysofruity #whysocrispy #whysoopal

#WHYSOOPAL

Bellezza Naturale

Non ossida

bellezzaNaturale

L’apparenza leggermente rustica ne aumenta il fascino, rendendola un tesoro naturale. Inoltre opal è naturalmente resistente a ticchiolatura, oidio e cancro rameale. Possiede inoltre robustezza post-infezione alla più importante malattia del fuoco batterico. Infine la varietà ‘UEB 32642’ necessita di meno input agrochimici durante la coltivazione.

non ossida

Un ulteriore punto di forza a favore di opal è la capacità della mela di non ossidare in seguito al taglio, caratteristica molto ricercata soprattutto dai genitori che comprano mele per i propri bambini. Quest’ultima peculiarità rende la consumazione un’esperienza ancora più appagante.

Bellezza Naturale

L’apparenza leggermente rustica ne aumenta il fascino, rendendola un tesoro naturale. Inoltre opal è naturalmente resistente a ticchiolatura, oidio e cancro rameale. Possiede inoltre robustezza post-infezione alla più importante malattia del fuoco batterico. Infine la varietà ‘UEB 32642’ necessita di meno input agrochimici durante la coltivazione.

Non ossida

Un ulteriore punto di forza a favore di opal è la capacità della mela di non ossidare in seguito al taglio, caratteristica molto ricercata soprattutto dai genitori che comprano mele per i propri bambini. Quest’ultima peculiarità rende la consumazione un’esperienza ancora più appagante.

Cosa rende opal differente?

Un unico profilo gustativo supportato da un perfetto rapporto tra dolcezza ed acidità
T
Un aspetto giallo caldo che mantiene la propria struttura e rimane croccante
Z
Non ossida dopo essere stata tagliata in pezzi

 

Un’areola rugginosa che circonda il picciolo la identifica come autentica 
Meno sensibile a lividi e danni alla buccia
W
Apparenza rustica che colpisce i consumatori per la genuinità del prodotto

Un unico profilo gustativo supportato da un perfetto rapporto tra dolcezza ed acidità

T

Un aspetto giallo caldo che mantiene la propria struttura e rimane croccante

Z

Non ossida dopo essere stata tagliata in pezzi

Un’areola rugginosa che circonda il picciolo la identifica come autentica

W

Meno sensibile a lividi e danni alla buccia

Apparenza rustica che colpisce i consumatori per la genuinità del prodotto

Piantagioni di opal

Alberi della varietà ‘UEB 32642’ sono stati recentemente piantati in importanti regioni fruttifere come ad esempio…
I coltivatori specializzati in opal e le loro famiglie sono orgogliose di coltivare una varietà di mele ecosostenibile, con un minore input agrochimico ed il supporto di un’esclusiva campagna mediatica tramite il marchio opal®.

Concludendo, opal emerge in un mare di mele gialle e invoglia i consumatori a tornare ad acquistare nuovamente il prodotto.

VISIONE:

  • Posizionare opal come la mela con il sapore più attraente e la migliore esperienza di consumazione
  • Rivitalizzare e sconvolgere la categoria delle mele gialle
  • Far innamorare nuovi consumatori con una mela autentica
  • Creare un incremento nella domanda tramite il peculiare concept di posizionamento del marchio

VISION:

  • Posizionare opal® come la mela con il sapore più attraente e la migliore esperienza di consumazione
  • Rivitalizzare e sconvolgere la categoria delle mele gialle
  • Far innamorare nuovi consumatori con una mela autentica
  • Creare un incremento nella domanda tramite il peculiare concept di posizionamento del marchio

IL MENTORE DI OPAL

1929

Nato in Ucraina

1954

Lavoro presso l’istituto di Botanica sperimentale di Praga

1955

Fondazione del Centro di ricerca in Strizovice

1961

Nasce la Cortina di Ferro. Accesso limitato a fertilizzanti e pesticidi

1989

Caduta della Cortina di Ferro

1991

‘Golden Delicious’ x ‘Topaz’ = ‘UEB 32642’ (opal)

1929

Nato in Ucraina

1954

Lavoro presso l’istituto di Botanica sperimentale di Praga

1955

Fondazione del Centro di ricerca in Strizovice

1961

Nasce la Cortina di Ferro. Accesso limitato a fertilizzanti e pesticidi

1989

Caduta della Cortina di Ferro

1991

‘Golden Delicious’ x ‘Topaz’ = ‘UEB 32642’ (opal)

Scopri di più riguardo la storia di opal

La mente
Dr. Jaroslav Tupý nacque in Užhorod, oggi Ucraina nel 1929. Dopo numerosi anni come scienziato all’Istituto di Botanica sperimentale a Praga, scoprì la passione per la selezione di varietà di melo. Grazie alla sua visione  e persistenza nel convincere l’Accademia delle Scienze di Praga, nel 1955 è stato fondato un centro di ricerca a Strizovice, un’ora in auto a nord di Praga.


Lui e il suo team iniziarono ad incrociare diverse varietà di melo, le quali progenie erano tolleranti alla ticchiolatura Malus floribunda. Il suo obiettivo era estrarre da una vasta quantità di piante “figlie”, quelle con il frutto più gustoso e con una naturale resistenza alla ticchiolatura, il fungo più diffuso tra le coltivazioni di mele.

La cortina di ferro
Durante questo periodo, le risorse finanziarie per la selezione erano limitate e l’accessibilità a sostanze chimiche e fertilizzanti era virtualmente impossibile. Grazie alla robustezza e tolleranza alle malattie, gli agricoltori furono in grado di crescere meleti sani con un minore uso di pesticidi.

Improvvisamente, quello che allora fu un problema, ora è diventato un importante vantaggio concorrenziale, grazie al costante incremento di consapevolezza da parte dei consumatorinel condurre uno stile di vita sano.

Creata dalla natura
Nel 1991 Dr. Tupý incrociò la famosa varietà americana ‘Golden Delicious’ con la propria varietà biologica ‘Topaz’. L’idea era quella di combinare le caratteristiche positive di entrambe le mele.

Dal suo processo di selezione che durò oltre un decennio, nacque la gustosa e resistente alle malattie ‘UEB 32642’. La mela opal® era nata.

Dr. Tupý dedicò la sua vita alla selezione di varietà di melo, creando importanti varietà come ‘Topaz’ negli anni novanta. Nel giugno del 2016 morì sapendo che le generazioni future porteranno avanti la sua filosofia, lavorando in sinergia con la natura.

La prima scoperta

Dave Weil dall’Oregon, USA è stato il primo a scoprire il potenziale di mercato di opal®, poiché i consumatori americani apprezzavano non solo la consistenza della mela, ma anche la profondità del sapore. Questa combinazione mancava nel mercato statunitense tra le varietà disponibili.

 

“opal è diventata totalmente una nuova categoria, i consumatori non hanno associato opal con Golden Delicious” – il suo colore giallo e l’aureola rugginosa sono un modello per il successo di mercato.

Ritorno alle radici

Il ritorno in patria è iniziato quando Michael Weber e il Dr. Rob Koning si sono incontrati nel 2005.
Cos’è necessario ad opal® per diventare un successo in Europa?
In primo luogo sono necessari alberi sani della varietà originale ‘UEB 32642’. Ci sono voluti 18 mesi di crescita controllata in vivaio e successivamente sono stati distribuiti 4,000 alberi in tutto il “vecchio continente”, in 63 luoghi ben definiti, per testarne la resa. Questo processo permette agli agricoltori di capire le condizioni e pratiche che permettono di far crescere al meglio le proprie piante.
Successivamente è stato necessario creare un concetto di marketing verticalmente integrato che coprisse l’intero processo, dal germoglio alla distribuzione nei supermercati.

Pronti per il decollo

La mela decollò per la prima volta nel Regno Unito quando le piantagioni commerciali iniziarono nel 2010. Secondo i pionieri Robert Jarvis e John Portass dal Lincolnshire, opal ha un fantastico feedback da parte dei consumatori, combinato a credenziali ambientali che si allineano con la loro filosofia agricola, la quale punta ad un futuro più sostenibile. Le mele a marchio opal® apparvero per la prima volta sugli scaffali di importanti rivenditori del Regno Unito nel 2014 e ricevettero un immediato feedback positivo.
Da quel momento, passo dopo passo, agricoltori e rivenditori europei scoprirono l’unicità di opal®.

La prima scoperta
Dave Weil dall’Oregon, USA è stato il primo a scoprire il potenziale di mercato di opal®, poiché i consumatori americani apprezzavano non solo la consistenza della mela, ma anche la profondità del sapore. Questa combinazione mancava nel mercato statunitense tra le varietà disponibili.

“opal è diventata totalmente una nuova categoria, i consumatori non hanno associato opal con Golden Delicious” – il suo colore giallo e l’aureola rugginosa sono un modello per il successo di mercato.

Lui e il suo team iniziarono ad incrociare diverse varietà di melo, le quali progenie erano tolleranti alla ticchiolatura Malus floribunda. Il suo obiettivo era estrarre da una vasta quantità di piante “figlie”, quelle con il frutto più gustoso e con una naturale resistenza alla ticchiolatura, il fungo più diffuso tra le coltivazioni di mele.

Ritorno alle radici
Il ritorno in patria è iniziato quando Michael Weber e il Dr. Rob Koning si sono incontrati nel 2005.
Cos’è necessario ad opal® per diventare un successo in Europa?

In primo luogo sono necessari alberi sani della varietà originale ‘UEB 32642’. Ci sono voluti 18 mesi di crescita controllata in vivaio e successivamente sono stati distribuiti 4,000 alberi in tutto il “vecchio continente”, in 63 luoghi ben definiti, per testarne la resa. Questo processo permette agli agricoltori di capire le condizioni e pratiche che permettono di far crescere al meglio le proprie piante.
Successivamente è stato necessario creare un concetto di marketing verticalmente integrato che coprisse l’intero processo, dal germoglio alla distribuzione nei supermercati.

Pronti per il decollo
La mela decollò per la prima volta nel Regno Unito quando le piantagioni commerciali iniziarono nel 2010. Secondo i pionieri Robert Jarvis e John Portass dal Lincolnshire, opal ha un fantastico feedback da parte dei consumatori, combinato a credenziali ambientali che si allineano con la loro filosofia agricola, la quale punta ad un futuro più sostenibile. Le mele a marchio opal® apparvero per la prima volta sugli scaffali di importanti rivenditori del Regno Unito nel 2014 e ricevettero un immediato feedback positivo.
Da quel momento, passo dopo passo, agricoltori e rivenditori europei scoprirono l’unicità di opal®.

Dave Weil

Michael Weber & Dr. Rob Koning

John Portass & Robert Jarvis

“Il prezzo è ciò che paghi, il valore è ciò che ottieni.”

Warren Buffet

OPAL – UN MARCHIO UN ’IDENTITA’

I proprietari del marchio globale della mela opal:

fruit.select GmbH

Mühlstrasse 10
88085 Langenargen
Germania
Tel +49 7543 912 926

Michael Weber
mweber@fruit-select.de
www.fruit-select.de

webfruit GmbH

Mühlstrasse 10
88085 Langenargen
Germania
Tel +49 7543 912 926

Miriam Straub
mstraub@web-fruit.de
www.web-fruit.de

Varieties International LLC

David Weil
P.O. Box 515
Dundee, Oregon 97115
USA
Tel +1 503.538.2131
Fax +1 503.538.7616

dave@treeconnect.com
www.treeconnect.com

fruit.select GmbH

fruit.select GmbH
Mühlstrasse 10
88085 Langenargen
Germania
Tel +49 7543 912 926

Michael Weber
mweber@fruit-select.de
www.fruit-select.de

webfruit GmbH

Mühlstrasse 10
88085 Langenargen
Germania
Tel +49 7543 912 926

Miriam Straub
mstraub@web-fruit.de
www.web-fruit.de

Varieties International LLC

David Weil
P.O. Box 515
Dundee, Oregon 97115
USA
Tel +1 503.538.2131
Fax +1 503.538.7616

dave@treeconnect.com
www.treeconnect.com

opal® è un marchio registrato du fruit.select GmbH, Germania, webfruit GmbH, Germania, Varieties International LLC, USA e riservato all’uso esclusivo dei licenziatari.

                                           

Partner globali della mela opal:

JM Bostock Group Ltd.

P.O. Box 2438
Hastings 4153
Nuova Zelanda
Tel +64 6 873 9046

Heidi Stiefel
heidis@bostock.nz
www.bostock.nz

SanLucar Deutschland GmbH

Zeppelinstraße 6
76275 Ettlingen
Germania
Tel +49 7243 5254 0

Winfried Schuster
opal@sanlucar.com
www.sanlucar.com

Nufri S.A.T.

Ctra. Palau, Km 1
25230 Mollerussa (Lleida)
Spagna
Tel +34 973 600 229

Mercè Gomà Calvo
mgoma@nufri.com
www.nufri.com

Orchard Fruit Co, S.L.

Ctra. Nacional II. Autovía con Aragón. Km. 276
50100 LA ALMUNIA DE DONA GODINA
(Zargoza)
Apdo. de Correos 94
Spagna
Tel +34 976 81 90 60
Fax +34 976 60 12 03

Menchu Guerrero
menchu.guerrero@orchard.es
www.orchard.es

Greenyard Fresh UK Ltd.

Stephenson Avenue Pinchbeck Spalding
Licolnshire PE11 3 SW
Regno Unito
Tel +44 (0) 1775 711 565

Georgina Carlin
gcarlin@greenyardfresh.co.uk
www.greenyardfresh.co.uk

Inova Fruit BV.

Veemarktkade 8
5222 AE `s-Hertogenbosch
Olanda
Tel +31 6 12 61 44 73

Phillip Smits
info@inovafruit.nl
www.inovafruit.nl

Worldwide Fruit Ltd.

Unit 68-69 John Wilson Business Park
Whitstable, Kent CT5 3QT
Regno Unito
Tel +44 (0) 1227 285500

Tony Harding
tony.harding@worldwidefruit.co.uk
www.worldwidefruit.co.uk

FYTOS fruit

Slovanská 138
326 00 Plzen
Repubblica Ceca
Tel +420 377 240 729

Pavel Vorácek
fytos@fytos.cz
www.fytos.cz

Ortofruit italia Soc.Agr.Coop.O.P.

Corso Roma 14
12037 Saluzzo (CN)
Italia
Tel +39 0175218123

Claudia Tumolo
c.tumolo@ortofruititalia.it
www.ortofruititalia.org

BioFruitService
Via Savigliano 75/a
12024 Costigliole Saluzzo (CN)
Italia
Tel +39 0175 230230

Marco Giordanino
technico@biofruitservice.com
www.biofruitservice.com

FRUTTA D’ELITE SRL

Via Brennero,139 (interno 20)
38121 Trento
Italia
Tel +39 335 6920415

Andrea Valerio
info@fruttadelite.it

Dutoit Agri (Pty) Ltd.

P.O. Box 236
Ceres 6832
Africa del sud
Tel +27 23 312 1071

Tanith Freeman
tanith@dutoit.com
www.dutoit.com

Alliance Perlim-Meylim

Les 4 Chemins
19130 St-Aulaire
FRANCIA
Tel +33 5 55 25 29 39

Béatrice Chauffaille
beatrice@perlim.com
www.alliance-perlim-meylim.fr

 

JM Bostock Group Ltd.

P.O. Box 2438
Hastings 4153
NUOVA ZELANDA
Tel +64 6 873 9046

Heidi Stiefel
heidis@bostock.nz
www.bostock.nz

SanLucar Deutschland GmbH

Zeppelinstrasse 6
76275 Ettlingen
GERMANIA
+49 7243 5254 0

Winfried Schuster
opal@sanlucar.com
www.sanlucar.com

Nufri S.A.T.

Ctra. Palau, Km 1
25230 Mollerussa (Lleida)
SPAGNA
Tel +34 973 600 229

Mercè Gomà Calvo
mgoma@nufri.com
www.nufri.com

Orchard Fruit Co, S.L.

Ctra. Nacional II. Autovía de Aragón. Km. 276
50100 LA ALMUNIA DE DOÑA GODINA (Zaragoza)
Apdo. de Correos 94
SPAGNA
Tel +34 976 81 90 60
Fax +34 976 60 12 03

Menchu Guerrero
menchu.guerrero@orchard.es
www.orchard.es

Greenyard Fresh UK Ltd.

Stephenson Avenue Pinchbeck Spalding Licolnshire PE11 3 SW REGNO UNITO
Tel +44 (0) 1775 711 565

Georgina Carlin
gcarlin@greenyardfresh.co.uk www.greenyardfresh.co.uk

Inova Fruit BV.

Veemarktkade 8
5222 AE `s-Hertogenbosch
PAESI BASSI
Tel +31 6 12 61 44 73

Philip Smits
info@inovafruit.nl
www.inovafruit.nl

Worldwide Fruit Ltd.

Unit 68-69 John Wilson Business Park
Whitstable, Kent CT5 3QT
REGNO UNITO
Tel +44 (0) 1227 285500
Tony Harding
Tony.Harding@worldwidefruit.co.uk
www.worldwidefruit.co.uk

FYTOS fruit

Slovanská 138
326 00 Plzeň
REPUBBLICA CECA
Tel +420 377 240 729

Pavel Voráček
fytos@fytos.cz
www.fytos.cz

Ortofruit italia Soc.Agr.Coop.O.P.

Corso Roma 14
12037 Saluzzo (CN)
ITALIA
Tel +39 0175218123

Claudia Tumolo
c.tumolo@ortofruititalia.it
www.ortofruititalia.org

BFS

BioFruitService
Via Savigliano 75/a
12024 Costigliole Saluzzo (CN)
ITALIA
Tel +39 0175 230230

Marco Giordanino
tecnico@biofruitservice.com
www.biofruitservice.com

FRUTTA D’ELITE SRL

Via Brennero, 139 (Interno 20)
38121, Trento,
ITALIA
Tel +39 335 6920415

Andrea Valerio
info@fruttadelite.it

Dutoit Agri (Pty) Ltd.

P.O. Box 236
Ceres 6832
REPUBBLICA SUDAFRICANA
Tel +27 23 312 1071

Tanith Freeman
tanith@dutoit.com
www.dutoit.com

Alliance Perlim-Meylim

Les 4 Chemins
19130 St-Aulaire
FRANCIA
Tel +33 5 55 25 29 39

Béatrice Chauffaille
beatrice@perlim.com
www.alliance-perlim-meylim.fr

RITRATTI DEGLI AGRICOLTORI

Gli umani e le mele similmente mostrano la propria bellezza nel loro essere autentici

John Portass

Wisbech, REGNO UNITO

Avendo sempre voluto essere un agricoltore, John Portass da Contract Farming in Wisbech, Inghilterra divenne il proprietario di 60 ettari di terreno nell’area di Wisbech nel 1997 dopo aver ottenuto anni di esperienza nel settore e un diploma in orticoltura .Questi 60 ettari sono ora diventati 150 e John ha investito tempo e denaro nella coltivazione di nuove varietà, come Opal, e sviluppando nuovi metodi di crescita atti a migliorare il processo di coltivazione. John inoltre si dedica all’ambiente circostante creando condizioni ideali per vari animali nel suo terreno, minimizzando gli sprechi il più possibile.

Michael Friedrich

Lago di Costanza, GERMANIA

Michael Friedrich e suo figlio Michael jr. da Liebenau sul lago di Costanza in Germania coltivano mele  opal® per convinzione. Le piantagioni sono localizzate vicino alle loro case. Ciò gli ha dato la possibilità di vivere lo sviluppo delle mele fino al giorno del raccolto. La riduzione delle misure di protezione per le piante è stata il motivo grazie al quale sono stati piantati e cresciuti gli alberi nelle vicinanze. La loro intenzione: proteggere la natura ed offrire una sana prospettiva alle generazioni future.

Andreino Bertola

Piemonte, ITALIA

Andreino Bertola dal Piemonte è convinto del suo metodo di agricoltura biodinamica. Gli alberi sono pieni di salute e l’intatta vita del terreno gli garantisce lo sviluppo di nutrienti nello stesso.

José-Miguel Guerrero

Zaragoza, SPAGNA

José-Miguel Guerrero da Zaragoza in Spagna ha sempre seguito il proprio metodo di coltivazione in modo da differenziarsi da altri produttori. Inizialmente ha migliorato la qualità di varietà esistenti come ad esempio Gala. Il clima caldo del sud di Zaragoza limita le possibili coltivazioni ed è quindi richiesta una varietà che possa sopportare il caldo, ma allo stesso tempo rimanere croccante e saporita . Con opal®, Menchu Guerrero e sua sorella hanno trovato la mela adatta e attualmente forniscono il segmento premium della linea, sia nella propria regione che nel mondo come ad esempio Malesia e Dubai.

agricoltore di opal

JOHN PORTASS

Wisbech, REGNO UNITO

Avendo sempre voluto essere un agricoltore, John Portass da Contract Farming in Wisbech, Inghilterra divenne il proprietario di 60 ettari di terreno nell’area di Wisbech nel 1997 dopo aver ottenuto anni di esperienza nel settore e un diploma in orticoltura .Questi 60 ettari sono ora diventati 150 e John ha investito tempo e denaro nella coltivazione di nuove varietà, come Opal, e sviluppando nuovi metodi di crescita atti a migliorare il processo di coltivazione. John inoltre si dedica all’ambiente circostante creando condizioni ideali per vari animali nel suo terreno, minimizzando gli sprechi il più possibile.

agricoltore di opal

ANDREINO BERTOLA

Piemonte, ITALIA

Andreino Bertola dal Piemonte è convinto del suo metodo di agricoltura biodinamica. Gli alberi sono pieni di salute e l’intatta vita del terreno gli garantisce lo sviluppo di nutrienti nello stesso.

 

agricoltore di opal

MICHAEL FRIEDRICH

Lago di Costanza, GERMANIA

Michael Friedrich e suo figlio Michael jr. da Liebenau sul lago di Costanza in Germania coltivano mele  opal® per convinzione. Le piantagioni sono localizzate vicino alle loro case. Ciò gli ha dato la possibilità di vivere lo sviluppo delle mele fino al giorno del raccolto. La riduzione delle misure di protezione per le piante è stata il motivo grazie al quale sono stati piantati e cresciuti gli alberi nelle vicinanze. La loro intenzione: proteggere la natura ed offrire una sana prospettiva alle generazioni future.

agricoltore di opal

JOSÉ-MIGUEL GUERRERO

Zaragoza, SPAGNA

José-Miguel Guerrero da Zaragoza in Spagna ha sempre seguito il proprio metodo di coltivazione in modo da differenziarsi da altri produttori. Inizialmente ha migliorato la qualità di varietà esistenti come ad esempio Gala. Il clima caldo del sud di Zaragoza limita le possibili coltivazioni ed è quindi richiesta una varietà che possa sopportare il caldo, ma allo stesso tempo rimanere croccante e saporita . Con opal®, Menchu Guerrero e sua sorella hanno trovato la mela adatta e attualmente forniscono il segmento premium della linea, sia nella propria regione che nel mondo come ad esempio Malesia e Dubai.

RICETTE CON OPAL

Insalata di opal e cavolo rosso

Crostatine di mele opal con granella di nocciole e cacao

Braciole di maiale con mele opal

INFO

Questa unica e vivace insalata aggiunge un tocco di colore ai tuoi pasti invernali. Cremosa e croccante è un ideale abbinamento alle tue zuppe invernali.

Autore: Rachel Hanawalt
Tipo di ricetta: Insalata
Cucina: Americana
Porzioni: 6

INGREDIENTI

1½ cup mele opal tagliate a cubetti
4 cup cavolo rosso grattugiato
½ cup formaggio cheddar grattugiato
¼ cup semi di girasole
¼ cup uva passa
½ cup maionese
1 tbsp aceto di mele
1 tsp sciroppo d’acero
¼ tsp sale
pepe nero q.b.

ISTRUZIONI

Taglia a cubetti le mele e grattugia cavolo e cheddar. Metti gli ingredienti appena lavorati in una coppa di medie dimensioni ed aggiungi i semi di girasole e l’uvetta. Metti da parte la coppa.
In un piatto di piccole dimensioni, mescola maionese, aceto di mele, sciroppo d’acero e sale fino a quando la salsa non risulta omogenea.
Versa la salsa ottenuta nella coppa e aggiungi pepe nero a piacimento e servi immediatamente.

NOTE

Versione Vegana: Utilizza maionese vegana e un formaggio sostitutivo.

INFO

Porzioni: 20

INGREDIENTI

20 basi per crostatina
300g cioccolato liquido
1 tsp peperoncino in polvere
sale q.b.
10 tsp granella di cacao
10 tsp nocciole tostate e sbriciolate
3 mele opal, private del torsolo, tagliate in spicchi, spennellate con succo di limone e spolverate con cacao in polvere

ISTRUZIONI

Riempi ogni base per crostatina con 1/2 tsp di granella di cacao e 1/2 tsp di nocciole.
Riscalda il cioccolato in una padella e aggiungi sale e peperoncino.
Riempi le crostatine con il cioccolato e aggiungi uno spicchio di mela sopra.
Distribuisci una leggera quantità di polvere di cacao e servi immediatamente..

NOTE

Puoi utilizzare un forno a microonde per riscaldare il cioccolato prima di versarlo nelle basi per crostatina.

INFO

Queste deliziose braciole di maiale ripiene sono abbastanza veloci da preparare nonostante la lunga lista di ingredienti.
Autore: Carpé Season
Tipo di ricetta: Carne
Cucina: Europea
Porzioni: 4

INGREDIENTI

Ripieno:
1 cup riso selvatico cotto*
¾ cup noci pecan, tagliate & tostate
1 tbsp burro
1 ½ mele opal, private del torsolo e tagliate in cubetti
¾ cup cipolla tritata
sale e pepe q.b.
(*Inizia con ½ c. di riso non cotto – quest’ultimo diventerà 1 ½ c. quando cucinato.)

Braciole di maiale:
4 braciole di maiale senza osso spesse circa 2,5 cm
sale e pepe q.b.
1 tbsp burro
stuzzicadenti (minimo 12)

Glassa:
⅔ cup aceto balsamico
½ cup sciroppo d’acero
2 spicchi di aglio tritati
1 rametto di timo

ISTRUZIONI

Preparazione del ripieno:

Cuoci il riso seguendo le indicazioni riportate sulla confezione.
Per tostare le noci pecan, riscalda un tegame a fuoco medio. Una volta caldo, aggiungi le noci e tostale per circa 3 minuti, mescolando frequentemente, fino a quando iniziano ad essere marroni e fragranti. Posale su un piatto e lasciale riposare.

Nella stessa padella, sciogli il burro a fuoco medio.Aggiungi le mele e la cipolla e cucina per circa 4 minuti, fino a quando le mele non iniziano ad ammorbidirsi. Versa il contenuto del tegame in una ciotola e aggiungi noci, riso, sale e pepe. Metti da parte la ciotola.

Farcire e rosolare le braciole:
Rimuovi il grasso in eccesso dalle braciole e asciugale con un panno di carta assorbente.

Utilizzando un coltello affilato, crea una tasca. Per aiutarti puoi appoggiare il palmo della tua mano sopra la braciola e inserire il coltello parallelamente alla superficie di lavoro. Devi ottenere una braciola che sia in grado di aprirsi come un libro, avendo cura di lasciare un lato intatto

(Se non sei grado di ottenere un taglio perfetto, puoi aiutarti con gli stuzzicadenti a chiudere eventuali buchi)

Inserisci circa  ½ c. di ripieno* in ogni tasca e chiudi i lati della braciola aiutandoti con gli stuzzicadenti – su, giù, su (come se stessi cucendo).

[Utilizza il ripieno rimanente distribuendolo sopra le braciole al momento del servizio.]

Cospargi entrambi i lati delle braciole farcite con sale e pepe a piacimento.

Scalda il burro in una padella sufficientemente ampia a fuoco medio-alto. Una volta che il burro è caldo, aggiungi le braciole e fai rosolare per circa 3 minuti per ogni lato. (Non riempire eccessivamente la padella, utilizza 2 padelle se necessario).

(*Siccome utilizzerai il ripieno rimasto sopra le braciole al momento del servizio, stai attento a non far entrare in contatto il ripieno rimasto con le braciole crude.)

Infornare le braciole:
Preriscalda il forno a 350*. Distribuisci un leggero strato di burro sulla teglia (la teglia deve essere abbastanza grande da permettere che le braciole possano essere disposte in un singolo strato). Posiziona la teglia nel ripiano più basso del forno, coprila con foglio di alluminio e cuoci per 30 minuti.

Preparare la glassa:
Mentre le braciole sono in forno, riscalda l’aceto balsamico, lo sciroppo d’acero, l’aglio e il timo in una piccola padella a fuoco medio-alto. Porta a bollore e successivamente fai ridurre la glassa a fuoco basso per circa 15 minuti mescolando molto frequentemente. Fai attenzione a non portare a ebollizione la glassa nuovamente, poiché rovinerebbe il piatto! Rimuovi dal fuoco e metti da parte la glassa.

Glassare le braciole:
Dopo che le braciole sono state cotte per 30 minuti, rimuovile dal forno ed elimina il foglio di alluminio. Facendo attenzione svuota i liquidi presenti nella teglia. Successivamente disponi ½ della glassa sopra le braciole (utilizzando un cucchiaio per spalmare il composto). La glassa deve essere distribuita uniformemente e una volta fatto ciò inserisci nuovamente la teglia in forno per 5 minuti. Gira le braciole e ripeti il procedimento con la glassa rimanente, infornando per altri 5 minuti.

Rimuovi gli stuzzicadenti e servi le braciole con il ripieno rimasto (riscaldato). Puoi accompagnare il piatto con un purè di patate o delle verdure.

NOTE

Opzione Vegan: Usate il cheddar vegan di maionese e non caseario .

INFO
Questa unica e vivace insalata aggiunge un tocco di colore ai tuoi pasti invernali. Cremosa e croccante è un ideale abbinamento alle tue zuppe invernali.

Autore: Rachel Hanawalt
Tipo di ricetta: Insalata
Cucina: Americana
Porzioni: 6

 

INGREDIENTI
1½ cup mele opal tagliate a cubetti
4 cup cavolo rosso grattugiato
½ cup formaggio cheddar grattugiato
¼ cup semi di girasole
¼ cup uva passa
½ cup maionese
1 tbsp aceto di mele
1 tsp sciroppo d’acero
¼ tsp sale
pepe nero q.b.
ISTRUZIONI
Taglia a cubetti le mele e grattugia cavolo e cheddar. Metti gli ingredienti appena lavorati in una coppa di medie dimensioni ed aggiungi i semi di girasole e l’uvetta. Metti da parte la coppa.

In un piatto di piccole dimensioni, mescola maionese, aceto di mele, sciroppo d’acero e sale fino a quando la salsa non risulta omogenea.

Versa la salsa ottenuta nella coppa e aggiungi pepe nero a piacimento e servi immediatamente.

NOTE
Versione Vegana: Utilizza maionese vegana e un formaggio sostitutivo.
INFO
Porzioni: 20
INGREDIENTI
20 basi per crostatina
300g cioccolato liquido
1 tsp peperoncino in polvere
sale q.b.
10 tsp granella di cacao
10 tsp nocciole tostate e sbriciolate
3 mele opal, private del torsolo, tagliate in spicchi, spennellate con succo di limone e spolverate con cacao in polvere
ISTRUZIONI
Riempi ogni base per crostatina con 1/2 tsp di granella di cacao e 1/2 tsp di nocciole.

Riscalda il cioccolato in una padella e aggiungi sale e peperoncino.

Riempi le crostatine con il cioccolato e aggiungi uno spicchio di mela sopra.

Distribuisci una leggera quantità di polvere di cacao e servi immediatamente.

NOTE
Puoi utilizzare un forno a microonde per riscaldare il cioccolato prima di versarlo nelle basi per crostatina.
INFO
Queste deliziose braciole di maiale ripiene sono abbastanza veloci da preparare nonostante la lunga lista di ingredienti.
Autore: Carpé Season
Tipo di ricetta: Carne
Cucina: Europea
Porzioni: 4
INGREDIENTI
Ripieno:

1 cup riso selvatico cotto*
¾ cup noci pecan, tagliate & tostate
1 tbsp burro
1 ½ mele opal, private del torsolo e tagliate in cubetti
¾ cup cipolla tritata
sale e pepe q.b.
(*Inizia con ½ c. di riso non cotto – quest’ultimo diventerà 1 ½ c. quando cucinato.)

Braciole di maiale:

4 braciole di maiale senza osso spesse circa 2,5 cm
sale e pepe q.b.
1 tbsp burro
stuzzicadenti (minimo 12)

Glassa:

⅔ cup aceto balsamico
½ cup sciroppo d’acero
2 spicchi di aglio tritati
1 rametto di timo

ISTRUZIONI

Preparazione del ripieno:

Cuoci il riso seguendo le indicazioni riportate sulla confezione.
Per tostare le noci pecan, riscalda un tegame a fuoco medio. Una volta caldo, aggiungi le noci e tostale per circa 3 minuti, mescolando frequentemente, fino a quando iniziano ad essere marroni e fragranti. Posale su un piatto e lasciale riposare.

Nella stessa padella, sciogli il burro a fuoco medio.Aggiungi le mele e la cipolla e cucina per circa 4 minuti, fino a quando le mele non iniziano ad ammorbidirsi. Versa il contenuto del tegame in una ciotola e aggiungi noci, riso, sale e pepe. Metti da parte la ciotola.

Farcire e rosolare le braciole:

RRimuovi il grasso in eccesso dalle braciole e asciugale con un panno di carta assorbente.

Utilizzando un coltello affilato, crea una tasca. Per aiutarti puoi appoggiare il palmo della tua mano sopra la braciola e inserire il coltello parallelamente alla superficie di lavoro. Devi ottenere una braciola che sia in grado di aprirsi come un libro, avendo cura di lasciare un lato intatto

(Se non sei grado di ottenere un taglio perfetto, puoi aiutarti con gli stuzzicadenti a chiudere eventuali buchi)

Inserisci circa  ½ c. di ripieno* in ogni tasca e chiudi i lati della braciola aiutandoti con gli stuzzicadenti – su, giù, su (come se stessi cucendo).

[Utilizza il ripieno rimanente distribuendolo sopra le braciole al momento del servizio.]

Cospargi entrambi i lati delle braciole farcite con sale e pepe a piacimento.

Infornare le braciole:

Preriscalda il forno a 350*. Distribuisci un leggero strato di burro sulla teglia (la teglia deve essere abbastanza grande da permettere che le braciole possano essere disposte in un singolo strato). Posiziona la teglia nel ripiano più basso del forno, coprila con foglio di alluminio e cuoci per 30 minuti.

Preparare la glassa:

Mentre le braciole sono in forno, riscalda l’aceto balsamico, lo sciroppo d’acero, l’aglio e il timo in una piccola padella a fuoco medio-alto. Porta a bollore e successivamente fai ridurre la glassa a fuoco basso per circa 15 minuti mescolando molto frequentemente. Fai attenzione a non portare a ebollizione la glassa nuovamente, poiché rovinerebbe il piatto! Rimuovi dal fuoco e metti da parte la glassa.

Glassare le braciole:

Dopo che le braciole sono state cotte per 30 minuti, rimuovile dal forno ed elimina il foglio di alluminio. Facendo attenzione svuota i liquidi presenti nella teglia. Successivamente disponi ½ della glassa sopra le braciole (utilizzando un cucchiaio per spalmare il composto). La glassa deve essere distribuita uniformemente e una volta fatto ciò inserisci nuovamente la teglia in forno per 5 minuti. Gira le braciole e ripeti il procedimento con la glassa rimanente, infornando per altri 5 minuti.

Rimuovi gli stuzzicadenti e servi le braciole con il ripieno rimasto (riscaldato). Puoi accompagnare il piatto con un purè di patate o delle verdure.

NOTES
Vegan Option: Use vegan mayo and non-dairy cheddar to make this a vegan dish.

IMPRINT

fruit.select GmbH
Mühlstrasse 10
88085 Langenargen
Germania.

Telefono: + 49 (0) 75 43 – 91 29 26

Fax: + 49 (0) 75 43 – 91 29 27

info@fruit-select.de

Centrale: Langenargen

Codice fiscale: DE 294 440 675

Registrati in tribunale: Amtsgericht Ulm Register number: HRB 730473

‘UEB 32642’: la varietà di mela è di proprietà di UEB Praga, Repubblica Ceca

opal®: trademark is globally owned by fruit.select GmbH, Germany webfruit GmbH, Germany and Varieties International LLC, USA. All rights reserved. 

A cura di

fruit.select GmbH Responsabile ai sensi del §10 comma 3 del trattato interstatale sui servizi mediatici (Mediendienststaatsvertrag, MDStV): Michael S. Weber, indirizzo a sinistra.  

Informativa sulla privacy

Per poter rispondere alle vostre domande o rispondere alle vostre richieste può essere talvolta necessario richiedere dati personali come nome, indirizzo, indirizzo e-mail e numero di telefono. fruit.select può utilizzare questi dati per rispondere alla vostra domanda o per mettersi in contatto con voi per posta, e-mail o telefono. Ciò vale anche per informazioni su nuovi prodotti e offerte. fruit.select non trasmetterà tuttavia questi dati a terzi, a meno che tale trasmissione non sia richiesta per legge.  

Copyright

Tutte le fotografie e le illustrazioni di questo sito web sono soggette alle leggi sul copyright. Qualsiasi utilizzo richiede il previo consenso di fruit.select GmbH. Ciò vale espressamente anche per qualsiasi utilizzo elettronico, anche in forma modificata.

 

Questo sito web è stato creato con WordPress.

www.opal-apple.com

fruit.select GmbH
Mühlstrasse 10
88085 Langenargen
Germania.

Phone: + 49 (0) 75 43 – 91 29 26

Fax: + 49 (0) 75 43 – 91 29 27

info@fruit-select.de

Centrale: Langenargen

Codice fiscale: DE 294 440 675

Registrati in tribunale: Amtsgericht Ulm Register number: HRB 730473

‘UEB 32642’: la varietà di mela è di proprietà di UEB Praga, Repubblica Ceca

opal® è un marchio registrato di fruit.select GmbH, Germania, webfruit GmbH, Germania, Varieties International LLC, USA e riservato all’uso esclusivo dei licenziatari.

A cura di

fruit.select GmbH Responsabile ai sensi del §10 comma 3 del trattato interstatale sui servizi mediatici (Mediendienststaatsvertrag, MDStV): Michael S. Weber, indirizzo a sinistra.

 
Informativa sulla privacy

Per poter rispondere alle vostre domande o rispondere alle vostre richieste può essere talvolta necessario richiedere dati personali come nome, indirizzo, indirizzo e-mail e numero di telefono. fruit.select può utilizzare questi dati per rispondere alla vostra domanda o per mettersi in contatto con voi per posta, e-mail o telefono. Ciò vale anche per informazioni su nuovi prodotti e offerte. fruit.select non trasmetterà tuttavia questi dati a terzi, a meno che tale trasmissione non sia richiesta per legge.

Copyright

Tutte le fotografie e le illustrazioni di questo sito web sono soggette alle leggi sul copyright. Qualsiasi utilizzo richiede il previo consenso di fruit.select GmbH. Ciò vale espressamente anche per qualsiasi utilizzo elettronico, anche in forma modificata.

Questo sito web è stato creato con WordPress.

www.opal-apple.com